L' Incompiuto Siciliano

Incompiuto Siciliano

Il lavoro di ricerca sull’architettura incompiuta affronta la tematica delle opere pubbliche incompiute in Italia, indagando in modo multi-disciplinare le relazioni tra queste opere architettoniche e il contesto nel quale sono inserite, affermandone il loro valore artistico e proponendone una nuova definizione stilistica. Vediamo l’intero “sistema nazionale di opere incompiute” che abbiamo rilevato in circa due anni di ricerca come una testimonianza materiale dell’attuale contesto socio-culturale che permea la nostra quotidianità e ne proponiamo una definizione quale nuovo stile che ne restituisca i contenuti da molteplici punti di vista.

Intendiamo con ciò dimostrare come l’incompiuto” non sia solo un’ etichetta entro cui rinchiudere forzatamente un pacchetto eterogeneo di opere, quanto piuttosto un vero e proprio modello teorico, capace di riconoscere, individuare e anche in una certa misura prevedere, la configurazione di un’opera o un sistema di opere incompiute in essere o in procinto di divenire.
Le opere incompiute ci appaiono come luoghi di una memoria collettiva ancora da indagare, nate come rovine prodotte da un tempo compresso, architetture che danno forma al paesaggio.
La definizione di uno stile architettonico proprio permette di individuare un modello teorico di riferimento in grado di fornire un paradigma interpretativo di un fenomeno presente su tutto il territorio nazionale e in particolare in quello siciliano, tipico degli anni 70/80 ma che è possibile rintracciare dagli anni 50 fino ad oggi; uno strumento per interpretare la storia recente del nostro Paese.

Il progetto muove dall’idea di lavorare in primo luogo sulla percezione del fenomeno a livello mediatico con la finalita’ di sviluppare in secondo luogo un intervento diretto sul territorio locale .

Attribuire all’”incompiuto” un significato artistico e architettonico significa escogitare un altro modo di leggere questi luoghi, utile per una comprensione più ampia e problematizzata dei rapporti tra il territorio e coloro che lo abitano.

Le opere pubbliche incompiute sono un patrimonio artistico-culturale e in quanto tale divengono potenziali promotori di un’ economica locale al pari di altri siti storici del nostro territorio. Una soluzione concreta alla sensazione di sconfitta a cui questi luoghi preludono.
Il progetto di costituire un vero e proprio parco archeologico (in collaborazione con il Comune di Giarre) vuole essere il risultato concreto di un'operazione di storicizzazione e rivalutazione del territorio.
La spinta creativa, il desiderio di autocelebrazione e la profonda cultura, caratteri che hanno reso la Sicilia e gli Italiani famosi nel mondo, riemergono nel progetto del “Parco Archeologico dell'Incompiuto”: un intervento di sviluppo sostenibile del territorio orientato alla promozione turistica, riconoscendo le opere incompiute come risorse.

Incompiuto Siciliano è un progetto di Alterazioni Video in collaborazione con Claudia D'Aita ed Enrico Sgarbi.